Macchina dei Sogni, Pagina, Facebook

Tag Cloud

‘tina

'tina

'tina

‘Tina non è la vicina del pianerottolo, nè tantomeno l’amica d’infanzia di vostra madre, ma si tratta di una rivista, una rivista letteraria tutta particolare: pop, stirata per via della tiratura contenutissima, giovanilistica, aperta e allo stesso tempo con un caratterino tutto suo, irregolare, coi bigodini.

Matteo B. Bianchi prima di diventare scrittore e autore televisivo, aveva pensato di raccogliere alcuni racconti, stamparli e pinzarli per creare una fanzine di dodici copie da distribuire agli amici. Da allora le cose sono cambiate, il successo di ‘Tina è cresciuto, ma la tiratura è arrivata soltanto a cinquanta copie, lasciando al sito internet la possibilità di scaricare la rivista.

Da ‘Tina sono passati autori che sono diventati scrittori veri, come Alberto Forni per Baldini & Castoldi, Giuseppe Casa per Rizzoli, Marco Mancassola per Mondadori, Paolo Nori per Einaudi e altri ancora. Questa è l’importanza di una rivista che oggi unisce storie scritte su richiesta di Matteo oppure proposte da autori sconosciuti. Sono proprio gli autori emergenti che potranno seguire le poche e chiare regole per l’invio che si trovano online e inviare i loro lavori, ricevere un feedback sincero e chissà mai, venire pubblicati sulla rivista.

matteo b. bianchi

Matteo b.bianchi

Giusto perchè si sappia, Matteo B. Bianchi sarà il docente di Manuale d’Autore, il corso dedicato a chi ha un romanzo nel cassetto da sviluppare.

I commenti sono chiusi.